eldj

«

»

dic 09

Stampa Articolo

“La preghiera delle Madri”: un movimento per la Pace

In Israele è avvenuto un piccolo grande miracolo quasi completamente ignorato dai Media: migliaia di donne ebree, musulmane e cristiane hanno camminato insieme in Israele per la pace. Nel nuovo video ufficiale del movimento Women Wage Peace, la cantante israeliana Yael Deckelbaum canta la canzone “Prayer of the Mothers”, “La preghiera delle Madri”, insieme a donne e madri di tutte le religioni, mostrandoci che la “musica” sta cambiando e deve cambiare. Un miracolo tutto femminile che vale più di mille parole vuote ed inutili. Non perdete l’emozionante video che lo documenta, con l’invito a divulgare la notizia di questa iniziativa, di cui qui sotto c’è la storia.

La canzone “La preghiera delle madri” nasce dall’accordo tra la cantautrice Yael Deckelbaum e un gruppo di donne coraggiose che fanno parte del movimento “Women Wage Peace”, sorto nell’estate del 2014 durante l’accrescersi degli episodi di violenza tra Israele e Palestina a l’operazione militare “Tzuk Eitan”. Il 4 Ottobre 2016 donne Ebree e Arabe hanno iniziato a dar vita al progetto “Marcia della Speranza”.

Migliaia di donne hanno marciato dal nord di Israele fino a Gerusalemme invocando la pace. Un appello che ha raggiunto il culmine il 19 Ottobre, in una marcia di quasi 4000 donne metà delle quali Palestinesi e metà Israeliane, fino a Qasr el Yahud (a nord del Mar Morto), pregando insieme per la pace. Nella stessa sera 15000 donne protestavano davanti la sede del primo ministro a Gerusalemme. Le marce si sono unite grazie al Premio Nobel per la Pace Leymah Gbowee. Nel video della canzone, Yael ha inserito una registrazione che Leyman ha realizzato per inviare il proprio appoggio al movimento.

 

 

 

Stampa o Condividi
  • Print
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • email
  • Google Buzz
  • PDF
  • RSS
  • http://www.eldj.it/ Marco

    Ciao Anna, che bel articolo hai riportato sul sito. un emozione e un senso di pace che vorrei arrivasse anche alle persone di potere e di comando, sono sicuro che si emozionerebbero anche loro. Sono sicuro che procurerebbe in loro un senso di pace e e distensione. CIAO ANNA , sei sempre sul pezzo!!!